Ogni grammo di peso in più su un aereo contribuisce ad aumentare il consumo di carburante, le emissioni e i costi del volo. Per questo la NASA e la Boeing stanno lavorando insieme per disegnare ali più lunghe, più sottili e più leggere per gli aerei commerciali. Il risultato al quale sono arrivate è un’ala così sottile da aver bisogno di un supporto aggiuntivo, ma i ricercatori hanno anche calcolato che questo tipo di ala potrebbe ridurre i consumi del 50%.

Con questo nuovo design, l’apertura alare aumenterebbe del 50% rispetto al tipo di ali in uso oggi. Al momento sono in corso test nella galleria del vento, per valutare ogni possibile miglioramento del profilo dell’ala e del supporto che la fissa alla fusoliera: l’obiettivo è ridurre tutte le turbolenze indesiderate, che potrebbero diminuire la portanza dell’ala e le sue potenzialità di risparmio in termini energetici.

Questo lavoro è parte del progetto NASA denominato Advanced Air Transport Technology, nato per migliorare l’efficienza energetica del trasporto aereo e conseguentemente ridurre le emissioni, ma non la sicurezza.

(fonte: nasa.gov)

Leggi anche:
Ecco come il diesel verde può ripulire i cieli dai gas serra

Subscribe To Our Blog

Get the latest news from us, on your email!

Delicious Digg Facebook Favorites More Stumbleupon Twitter

Iscriviti alla Newsletter

Featured Posts