In India il problema dei rifiuti in plastica sta raggiungendo proporzioni inquietanti: nella sola capitale, Delhi, ogni giorno vengono prodotte ben 7.000 tonnellate di rifiuti di questo tipo. Per cercare di risolvere questo gigantesco problema, il mese scorso è stata approvata una legge che rende obbligatorio l’impiego di plastica riciclata per la costruzione di strade.

K K Plastic Waste Management Ltd è un’azienda locale che sostiene questa legge anche attraverso l’esperienza: dal 2002 ha infatti realizzato ben 3.000 km di rivestimenti stradali con un mix di plastica e aggregati, e sostiene che questo materiale dura più dell’asfalto, costa meno ed è più resistente all’acqua.

Il vero ostacolo al riutilizzo della plastica sembra essere la distinzione tra plastica riciclabile e non. Molte persone già separano la plastica dagli altri rifiuti, ma la maggior parte non è in grado di capire quali tipi di plastica sono davvero riciclabili. Un ulteriore punto critico è il fatto che la plastica, per diventare rivestimento stradale, deve essere riscaldata, e la possibile emissione di sostanze tossiche durante il processo potrebbe essere un problema per la salute.

Altri tecnici sostengono invece che il miglior modo per riciclare la plastica è trasformarla in carburante, in modo da ridurre l’impiego di combustibili fossili.

In attesa di capire come gestire la massa di rifiuti plastici che sta invadendo il mondo, la mossa più efficace per il momento è eliminare o almeno ridurre la produzione di rifiuti all’origine.

(fonte: sustainablog.org)

Leggi anche:
Plastica invece di asfalto per le strade
Basta asfalto. Viaggeremo su strade di pannelli solari?
Il primo campo da calcio italiano in gomma riciclata

Subscribe To Our Blog

Get the latest news from us, on your email!

Delicious Digg Facebook Favorites More Stumbleupon Twitter

Iscriviti alla Newsletter

Featured Posts