Le sorgenti termali calde sono molto amate dai giapponesi, che le scelgono per rilassarsi e rigenerarsi grazie al calore e ai minerali presenti nell’acqua. Come conseguenza dell’abbondanza di vulcani attivi, in Giappone le sorgenti calde sono più di 27.000, secondo i dati del locale Ministero dell’Ambiente, e ci sono più di 21.000 spa e hotel collegati ad esse. L’indotto dal punto di vista turistico è considerevole: più di 126 milioni di persone ogni anno visitano le sorgenti calde, e spendono per alberghi, ristoranti e shopping.

Dato il valore economico del turismo termale, in Giappone normalmente non viene presa in considerazione l’ipotesi di convivenza tra turismo e sfruttamento dell’energia geotermica, soprattutto per il timore che gli impianti energetici possano alterare la composizione e la qualità delle acque termali. Il problema però sembra superato grazie agli impianti geotermici binari.

In questo tipo di impianti si utilizza infatti un secondo liquido che bolle ad una temperatura inferiore rispetto all’acqua. L’acqua termale calda passa in uno scambiatore di calore e riscalda il secondo liquido in un circuito chiuso. Il calore permette al secondo liquido di trasformarsi in vapore, che muove le turbine e alimenta così i generatori. Il vapore si condensa nuovamente in liquido e il ciclo ricomincia. Poiché il sistema è chiuso, non ci sono emissioni nell’atmosfera.

Per generare elettricità, l’acqua perde solo una parte del suo calore, ma rimane utilizzabile per le spa, non diminuisce in quantità e qualità, e alla fine del processo viene immessa nuovamente nel terreno per essere nuovamente riscaldata. Con gli impianti geotermici binari, inoltre non è necessario scavare altri pozzi, ma si possono prelevare le acque calde dalle sorgenti già esistenti. L’energia prodotta viene utilizzata dalle comunità locali, che traggono nuovi vantaggi dalle sorgenti termali.

(fonte: renewableenergyworld.com)

Leggi anche:
10 ragioni per utilizzare l’energia geotermica
La Francia dice sì al geotermico
Blue Lagoon, il centro geotermico dell’Islanda (e del mondo)
Come installare una pompa geotermica in giardino

Subscribe To Our Blog

Get the latest news from us, on your email!

Delicious Digg Facebook Favorites More Stumbleupon Twitter

Iscriviti alla Newsletter

Featured Posts